Guy_Fawkes_Gunpowder_Plot_conspirators

Cultura

V for Vendetta: chi era Guy Fawkes?

5 Nov , 2015  

Il personaggio di V del fumetto V for Vendetta di Alan Moore e David Lloyd indossa una maschera di Guy Fawkes. Da questo fumetto è stato anche tratto l’omonimo film con Hugo Weaving e Natalie Portman, regia di James McTeigue su sceneggiatura dei fratelli Wachowski, al quale va il merito di aver portato questo simbolo nella comunicazione di massa. Inoltre, adottandone perfettamente lo spirito, la maschera di Guy Fawkes è stata scelta come simbolo dal gruppo hacker Anonymous.

Proprio citando l’incipit della pellicola:

“Ma l’uomo? So che il suo nome era Guy Fawkes e so che nel 1605 tentò di far esplodere il parlamento inglese. Ma chi era realmente? Che tipo d’uomo era?”

Guy_Fawkes_by_CruikshankGuy Fawkesfòoks› (York, 13 aprile 1570 – Londra, 31 gennaio 1606) è stato prima un militare e poi cospiratore inglese, nato da un’importante famiglia protestante dello Yorkshire che si è convertito al cattolicesimo a 16 anni. Quando il padre morì, dopo aver dilapidato il patrimonio ereditato come figlio unico, fu la professione militare gli permise di acquisire un’elevata esperienza nell’uso degli esplosivi.

Noto anche come Guido Fawkes, Faukes, Faux o John Johnson, era tra gli organizzatori della Congiura delle Polveri, complotto per assassinare il re con un esplosione del Parlamento. Vi suona familiare?

La Congiura delle polveri fu ideata nel 1604 da Robert Catesby, complotto nato in risposta all’intollerante politica nei confronti dei cattolici, era un piano progettato da cattolici inglesi a danno del re scozzese (Giacomo I d’Inghilterra), della sua famiglia, dei membri del Parlamento inglese e gran parte dell’aristocrazia, tutta protestante, riuniti nella Camera dei Lord per l’apertura delle sessioni parlamentari dell’anno 1605.

I cospiratori presero in affitto una cantina nei pressi del Parlamento, Guy Fawkes la riempì con barili di polvere da sparo; il piano originale prevedeva una galleria che partisse dalla cantina per far arrivare gli esplosivi precisamente sotto la sala delle riunioni della Camera dei Lord, in questo modo l’esplosione avrebbe colpito anche gli altri edifici del complesso e rompere le finestre di tutti edifici nel raggio di un miglio. Anche questo, vi suona un po’ familiare?

Guy_Fawkes_arrestedPurtroppo intorno alla mezzanotte del  5 novembre 1605 l’attentato fu evitato da un soldato del re, Thomas Knyvet: Guy Fawkes aveva il compito di accendere la miccia, ma fu scoperto, dichiarò di chiamarsi John Johnson e venne arrestato. Non negò mai le sue intenzioni, mantenne un atteggiamento di sfida, anche quando lo stesso re gli chiese perché volesse ucciderlo. Solo dopo giorni di tortura, vennero fuori i degli altri attentatori: la sua firma dopo la tortura sulla ruota è visibilmente tremolante.

guy_fawkes_firmaIl processo che si tenne il 27 gennaio 1606 fu ovviamente un proforma. Il 31 gennaio Fawkes e gli altri attentatori della Congiura delle polveri pare furono, secondo quella che era la prassi dell’epoca “Hanged, drawn and quartered”,  impiccati, decapitati, e infine squartati.

Dopo questo evento, il 5 novembre 1605 i londinesi furono “incoraggiati” a festeggiare il salvataggio del re con un atto emanato il giorno stesso, atto che rimase valido fino al 1859, ma che perdurò nella cultura. Gli anglicani (sottolineando che la festa era priva di ogni valore anticattolico) per commemorare la scampata congiura, festeggiavano il  5 novembre il Guy Fawkes Day (chiamato da alcuni anche Guy Fawkes Night): nel Regno Unito e in Nuova Zelanda i bambini, recitando una filastrocca, chiedevano soldi di casa in casa per permettere ai genitori di comprare i fuochi che sarebbero stati accesi durante il falò serale durante il quale venivano bruciati dei fantocci, in una simbolica ripetizione dell’esecuzione dei congiuranti del 1605.

Indovinate un po’ cosa recitava questa filastrocca?

(EN) Remember, remember,
the fifth of November,
Gunpowder, treason and plot.
I don’t know the reason
why Gunpowder treason
Should ever be forgot!

(IT) Ricorda, ricorda,
il cinque novembre,
polvere da sparo, tradimento e complotto.
Non vedo alcuna ragione
per cui la Congiura delle Polveri
dovrebbe mai essere dimenticata!

Per secoli la figura di Guy Fawkes fu sminuita, schernita e ridicolizzata, ma nel tempo riuscì a ritrovare il suo giusto valore: “Fawkes fu l’unico uomo ad essere entrato in Parlamento con buone intenzioni” (Sharpe, J. A. (2005), Remember, Remember: A Cultural History of Guy Fawkes Day, Harvard University Press). In tempi molto più recenti, il volto stesso di Fawkes stilizzato è diventato una maschera, simbolo di ribellione.

Per concludere l’incipit che avevo citato all’inizio:

“Ci insegnano a ricordare le idee e non l’uomo, perché l’uomo può fallire. L’uomo può essere catturato, può essere ucciso e dimenticato. Ma 400 anni dopo ancora una volta un’idea può cambiare il mondo. Io sono testimone diretto della forza delle idee, ho visto gente uccidere per conto e per nome delle idee, li ho visti morire per difenderle… Ma non si può baciare un’idea, non puoi toccarla né abbracciarla; le idee non sanguinano, non provano dolore… le idee non amano. Non è di un’idea che sento la mancanza ma di un uomo, un uomo che mi ha riportato alla mente il 5 novembre: un uomo che non dimenticherò mai. (Evey)”

Nel caso non ti fosse mai capitato di avere a che fare con V per Vendetta, ma hai solo letto il suo nome da qualche parte, per favore acquista il fumetto, il dvd, fattelo prestare, trovalo in altri modi… nel caso invece già ne avessi usufruito, beh, ricorda il cinque novembre.

, , , , , , ,


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *